Cerca
  • Malfatti Davide

Tecar terapia: a cosa serve e quando usarla




La Tecar terapia o semplicemente Tecar (trasferimento energetico capacitivo e resistivo) rappresenta una nota e moderna tecnica riabilitativa utilizzata per il trattamento di infiammazioni e di traumi. Il suo impiego è poi particolarmente indicato per sconfiggere gli stati dolenti di articolazioni, colonna vertebrale e muscoli.


La Tecar funziona tramite l’uso di una particolare macchina (in grado di generare un campo magnetico ad alta frequenza) collegata a una piastra di metallo.


Dal punto di vista del funzionamento, tale macchinario sfrutta il principio del condensatore e stimola la vasodilatazione nel punto trattato. Ciò provoca un incremento della temperatura e un maggiore afflusso sanguigno favorendo il normale processo di guarigione del corpo.


La Tecar terapia permette una duplice modalità di lavoro (che spesso viene adoperata simultaneamente):

  • la modalità capacitiva: utile in caso di problematiche circolatorie e muscolari

  • la modalità resistiva: utile in presenza di problematiche più radicate o di tessuti duri (come ossa e lagamenti)

Per farla semplice possiamo dire che la tecarterapia stimola la vasodilatazione, la circolazione del sangue, il calore e l’ossigenazione dei tessuti. Inoltre, esso spinge il corpo verso la guarigione, asseconda il drenaggio linfatico e agevola il rilascio di endorfina diminuendo la dolorabilità percepita.


Dal punto di vista dei benefici, la Tecar terapia diminuisce gli stati dolenti, fornisce supporto agli individui che praticano sport, aiuta la rigenerazione del corpo, rende più rapido il recupero post traumatico e a livello fisico consente di intervenire quasi ovunque senza alcun genere di problema.


Anche se con tale pratica i benefici sono già percepibili a partire dal primo trattamento, si consigliano 5-10 sedute da mezz’ora ciascuna. Il numero di sedute cambia naturalmente a seconda del tipo di disturbo (acuto, cronico, ecc.). Per evitare di commettere errori si suggerisce di interpellare uno specialista.


Un capitolo a parte va dedicato ai casi in cui la terapia in questione va evitata. Tra i principali rientrano gli stati di gravidanza, i soggetti con pacemaker e coloro i quali sono molto sensibili alle temperature alte.


Non aspettare che il tuo problema si risolva da solo, affidati al meglio della tecnologia riabilitativa con la Tecar terapia!

40 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti